update 18.03.2019
           
 
 
 
 

QUESTA SERA
Bisognerebbe raccogliere la merda che si lascia in giro, avere il coraggio di sporcarsi le mani e non aspettare sempre il servo muto, la puzza esce anche da sotto la ghiaia e concima i brutti pensieri.
Avrei dovuto mandarti un messaggio, so che ne hai bisogno, ma sono in un cono d'ombra e non posso parlare con nessuno, ho paura, e non conosco nessuno che stia meglio di me, non ho credito non ho carta.
Ed ogni giorno con questo muso nero davanti agli occhi come un gargoyle di Notre Dame, più catatonico della pietra con la quale è costruito e un sottofondo di spiccioli conservati.
Buona, solo la domenica, amara come le bevande in acqua Pejo, Puffo forzuto, ma senza sforzo, l'indice di E.T.

Stiro con il tappetino, ma tutti questi chi li ha fatti entrare? Aprite i porti e chiudete le linee ottiche, le bombe tanto le ordiniamo su internet ed ogni giorno è il solito pacco.
Ma chi non sa fare centro bagna solo il pavimento.
Sotto una brutta sensazione, come dormire sotto le bombe, inganni, in trincea da vent'anni, sempre puntuale e tu sempre in ritardo.

Il corpo di Cristo e la separazione dei beni, chiudi la porta e fai del bene fratello.
Intorno la famiglia ma sembra che questa sera non si frigge.
Ho lo spacciatore sotto casa, i miei conti da pagare e tempo da perdere.